L’ammissibilità, le opportunità e i servizi, le quote associative previste per i Soci FONDATORI (comunicatori professionali o rappresentanti… di cui all’Art.9 dello Statuto (link), prevedono che i richiedenti possano essere iscritti anche ad ordini o collegi professionali, ma NON iscritti ad alcuna delle associazioni professionali nazionali della comunicazione. (*)

Il ruolo di Socio FONDATORE, come previsto da Statuto, è un status di particolare rilevanza nella Governance dell’Associazione, a riconoscimento delle capacità manageriali, professionali e delle risorse dedicate allo sviluppo qualitativo, alla riconoscibilità ed alla espansione territoriale dell’Associazione dimostrate dal socio stesso durante l’attività svolta in qualità di Socio Ordinario.

L’ammissibilità, le opportunità e i servizi, le quote associative previste per i Soci ORDINARI (comunicatori professionali o rappresentanti di cui all’Art. 10 dello Statuto, prevedono oltre alla rispondenza ai criteri approvati dal Consiglio Direttivo dell’Associazione, anche l’eventuale appartenenza dei richiedenti ad ordini o collegi professionali, mentre NON ne consentono l’appartenenza ad alcuna delle associazioni professionali nazionali della comunicazione. (*)

(*) Divieto di appartenenza contemporanea ad altre Associazioni professionali nazionali del settore comunicazione.

Per completezza d’informazione e per evidenziare ulteriormente quanto illustrato in più punti della presentazione di “Rete dei Comunicatori Professionali”, appaiono chiari i differenti presupposti attraverso i quali l’Associazione ha inteso identificare, valorizzare e promuovere la professione del Comunicatore, rispetto a quanto negli anni è stato invece fatto dalle altre Associazioni nazionali rappresentative di “specifici profili professionali” della comunicazione piuttosto che della “professione” di Comunicatore e delle sue susseguenti plurime e personali “specializzazioni professionali” dotandole di identità giuridica, riconoscibilità e autorevolezza professionale, grazie a provvedimenti normativi, legislativi e terzietà di giudizio.

Conseguentemente, Il divieto di appartenenza contemporanea di un aspirante Socio a più soggetti associativi così “geneticamente” diversi da “Rete dei Comunicatori Professionali”, evita incongruenze e disorientamento per il professionista stesso, dovuti alla diversità di logiche, di obiettivi, di modalità ed di interrelazioni applicate.

Il ruolo di Socio ORDINARIO come previsto dallo Statuto, consente l’ingresso di professionalità anche diverse da quella di Comunicatore Professionale cui la nostra Associazione essenzialmente si ispira. Ciò allo scopo di accogliere nella preparazione alla “professione” di cui trattiamo, le esigenze e le competenze dei diversi target interessati sia a fruire di prestazioni qualitativamente certificate o attestate in conformità alla norma tecnica UNI 11483/2013 specifica dei Comunicatori Professionali o Professionisti della Comunicazione ed alla legge 4/2013 sulle professioni non organizzate in ordini o collegi, che a formare professionisti e professionalità in conformità alle indicazioni normative appena citate.
Si è quindi ritenuto necessario verificare attraverso il test d’ingresso predisposto dall’Associazione il possesso o meno, da parte di ogni associato in qualità di Comunicatore, dei requisiti professionali minimi ispirati alla norma tecnica UNI 11483 che inquadra qualitativamente i Comunicatori Professionali.
L’analisi dei risultati dei test ispirerà la formulazione di percorsi formativi tematici, specialistici, di preparazione alla certificazione, ecc. tutti comunque volti al miglioramento ed all’adeguamento della professionalità alle esigenze dei diversi mercati di riferimento siano essi nazionali, europei o di internazionalizzazione.
Le opportunità ed i servizi previsti a favore dei Soci ORDINARI contemplano anche impegni ispirati al perseguimento della mission dell’Associazione, alla partecipazione democratica ed al buon fine delle attività associative presenti e future.

Ai Soci ORDINARI (soggetto fisico – Comunicatore o Professionista della comunicazione), sono dedicati:

  • i test d’ingresso sul possesso dei requisiti professionali minimi ispirato alla norma UNI 11483 è riservato ai soli Comunicatori; l’effettuazione del test da parte del socio è comunque facoltativa ma auspicabile per definire gli standard personali;
  • la possibilità di inserimento nell’elenco dei possibili collaboratori in seno alle attività progettuali e/o formative dell’Associazione (solo su specifica autorizzazione del Consiglio Direttivo su parere del CTS, a seguito di formale richiesta del socio interessato)
  • la possibilità di inserimento nell’elenco dei possibili candidati a rappresentare il proprio sottogruppo professionale di appartenenza sui tavoli progettuali dell’Associazione (solo su specifica autorizzazione del Consiglio Direttivo, a seguito di formale richiesta del socio interessato)
  • la possibilità di effettuare test di simulazione e di consultare la bibliografia in preparazione alla certificazione professionale in conformità alla norma tecnica UNI 11483/2013 ed alla legge n.4/2013 sulle professioni , rilasciata da ente terzo (FAC Certifica per Accredia).
  • le informazioni di natura previdenziale, tributaria, assicurativa, di tutela della privacy , ecc. inerenti i Comunicatori Professionali, e servizi prestati attraverso convenzioni attivate con Studi professionali di prestigio;
  • le informazioni sui corsi e percorsi di formazione riservati alle diverse tipologie di associati;
  • trend formativo-professionale del socio Comunicatore richiedente, a partire dal suo ingresso in Associazione. La realizzazione del “Trend FP” prevede il versamento di un contributo, il cui ammontare sarà definito dal Consiglio Direttivo e pubblicato al più presto;
  • gli eventi e le manifestazioni d’interesse per i Comunicatori Professionali ed per i Soci interessati a vario titolo all’evoluzione professionale dei Comunicatori.
  • la consultazione e l’aggiornamento delle diverse tematiche, trattate in sezioni differenziate all’interno dell’Area riservata ai Soci Ordinari, a seconda del loro specifico interesse;

Ai Soci ORDINARI (soggetto fisico- Formatore o portatore d’interessi per la comunicazione ma differenti dal quelli del Comunicatore), sono dedicati:

  • la possibilità di inserimento nell’elenco dei possibili collaboratori in seno alle attività progettuali e/o formative dell’Associazione (solo su specifica autorizzazione del Consiglio Direttivo su parere del CTS, a seguito di formale richiesta del socio interessato);
  • la possibilità di inserimento nell’elenco dei possibili candidati a rappresentare il proprio sottogruppo professionale di appartenenza sui tavoli progettuali dell’Associazione (solo su specifica autorizzazione del Consiglio Direttivo, a seguito di formale richiesta del socio interessato);
  • gli eventi e le manifestazioni d’interesse per i Comunicatori Professionali ed per i Soci interessati a vario titolo all’evoluzione professionale dei Comunicatori e della comunicazione professionale;
  • la consultazione delle diverse tematiche trattate in sezioni differenziate all’interno dell’Area riservata ai Soci Ordinari, a seconda dello specifico interesse.

I Soci ORDINARI (soggetti giuridici o non registrati privati e pubblici) beneficeranno invece di:

  • agevolazioni sui costi dei test (ispirati alla norma UNI 11483) sulla professionalità dei dipendenti, da concordare con il Consiglio Direttivo su parere del CTS;
  • agevolazioni sui costi di assistenza nella verifica delle competenze professionali (ispirati alla norma tecnica UNI 11483) in sede di ricerca di dipendenti, collaboratori, ecc. del settore comunicazione, effettuati anche presso la sede aziendale, da concordare con il Consiglio Direttivo su parere del CTS;
  • informazioni sui corsi di formazione, qualificazione, ecc. riservati ai Soci
  • agevolazioni sui costi di partecipazione ai corsi di formazione, qualificazione, preparazione alla certificazione professionale (ex legge 4/2013 e norma tecnica UNI 11483), ecc. del proprio personale dipendente, da concordare con il Consiglio Direttivo su parere del CTS;
  • informazioni professionali, previdenziali, tributarie, assicurative, di tutela della privacy, ecc. inerenti il settore della comunicazione professionale;
  • informazioni di Eventi e di Manifestazioni d’interesse dei Comunicatori Professionali e per i Soci interessati a vario titolo all’evoluzione professionale dei Comunicatori e della comunicazione professionale.

CC BY-NC-ND 4.0
Tutti i testi di Rete dei Comunicatori Professionali pubblicati sul sito sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore e non possono essere utilizzati senza autorizzazione.
Rete dei Comunicatori Professionali, laddove non esplicitamente indicato, è distribuito sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.