La legge di Stabilità 2016 sancisce che i professionisti, come già accade alle piccole e medie imprese, potranno accedere ai Por e ai Pon (rispettivamente Piani organizzativi regionali e nazionali) del Fondo sociale europeo (Fse) e del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr).

Un diritto che, per la verità, l’Europa aveva loro riconosciuto nel regolamento Ue 1303/2013, ma che in pratica non trovava spazio nei bandi regionali, se si escludono poche eccezioni.

Nei bandi, infatti, tra i requisiti veniva per esempio inclusa l’iscrizione alla Camera di commercio, una richiesta che di fatto escludeva le professioni.

L’apertura introdotta dal comma 821 è ad ampio spettro, perché, come sottolinea il sottosegretario allo sviluppo economico Simona Vicari, «interessa tutte le partite Iva, professionisti, autonomi e free lance».

di Federica Micardi – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/tUN24w

CC BY-NC-ND 4.0
Tutti i testi di Rete dei Comunicatori Professionali pubblicati sul sito sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore e non possono essere utilizzati senza autorizzazione.
Rete dei Comunicatori Professionali, laddove non esplicitamente indicato, è distribuito sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.