Innovazione, Qualità e Servizio
Sono le caratteristiche fondanti e gli obiettivi che la nostra organizzazione intende perseguire.
E’ vero, sono termini triti e ritriti, spesso usati a sproposito per attrarre l’attenzione o dare parvenza qualificante ad una idea o ad un progetto; non è il nostro caso!
Se proseguirete nella lettura e nella navigazione, troverete gli elementi che rendono “Rete dei Comunicatori Professionali” realmente innovativa, attenta alla qualità professionale e fonte di servizi utili per gli associati e per gli utenti della rete.
Entriamo nel merito. L’Associazione è:

riferimento di innovazione perché

  • propone una visione nuova e rivoluzionaria nel metodo e nei contenuti, della professione di Comunicatore e delle molteplici specializzazioni esistenti ed in progress nell’ambito della comunicazione professionale;
  • persegue quindi la condivisione qualitativa della figura di Comunicatore Professionale, la quale consta:
    • di un primo livello professionale trasversale, comune cioè per conoscenze – competenze – abilità, proponendola a tutti coloro che svolgono attività professionale nella comunicazione intesa nella sua globalità (senza differenziazione cioè di aree e di profili);
    • di un secondo livello specialistico, i cui contenuti evidenziano il personale percorso professionale intrapreso, lo qualifica per conoscenze –competenze – abilità specifiche;
  • Entrambi i livelli prevedono la definizione dei compiti in attività specifiche e/o comuni a tutti iprofili specialistici e l’assegnazione, attraverso esami, dell’unica certificazione professionale “di parte terza” riconosciuta dalla Legge n.4/2013 e dalla Norma tecnica UNI 11483/2013;
  • ha scelto la propria forma organizzativa ed operativa “a rete”, aperta, partecipata liberamente dai propri associati e non solo, attenta ai fabbisogni contingenti ed alle prospettive professionali in ambito nazionale, europeo ed internazionale;

attenta alla valorizzazione della qualità professionale condivisa perché

  • alcuni dei suoi “pionieri” Fondatori hanno perseguito fin dal 2007 il convincimento che il mercato ha necessità di salvaguardia e di chiarezza rispetto alle prestazioni professionali nell’ambito della comunicazione, attraverso la certificazione di qualità professionale. Soprattutto negli ultimi quindici anni il mercato si è inflazionato di “comunicatori”, molti dei quali improvvisati ed incompetenti, molti altri invece in possesso di alta professionalità e competenza in materia;
  • l’associazionismo professionale della comunicazione si è sviluppato negli anni settariamente, rappresentando cioè profili professionali specifici, procedendo con iniziative e strategie disgiunte talvolta contrastanti fra loro e slegando i professionisti della comunicazione ed i mercati fruitori delle loro prestazioni dal concetto di appartenenza e di possesso di competenze-base trasversali rispetto ai vari profili professionali, propri di una categoria riconoscibile anche giuridicamente;
  • convinta inoltre che non si possa delegare a singole Associazioni professionali di settore la definizione dei requisiti professionali minimi per essere riconosciuti Comunicatori Professionali, bensì ad un tavolo di discussione concertata, avviato presso UNI, unica organizzazione nazionale di normazione riconosciuta a carattere europeo ed internazionale;
  • fin dal 2011, il nostro impegno ha quindi consentito l’avvio del Gruppo di Lavoro per i Comunicatori presso la UNI (Ente Italiano di Normazione di Milano), ha attivato le procedure ed il processo di normazione professionale giunto a compimento il 7 marzo 2013, attraverso l’entrata in vigore della specifica norma tecnica UNI 11483;
  • una volta normati i requisiti minimi di conoscenze, di competenze e di abilità professionali dei Comunicatori è stato possibile avviare le procedure autorizzate da ACCREDIA (ente unico per la certificazione), per l’effettuazione presso Organizzazioni aventi requisito di terzietà, degli esami necessari per il conseguimento della certificazione in conformità alla norma tecnica UNI 11483 per la Figura di Comunicatore, così come stabilito dalla legge n.4/2013 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi”;
  • l’organizzazione “di parte terza” attraverso la quale si effettua il processo di certificazione dei Comunicatori associati è sempre effettuata da organismo “esterno”secondo criteri di terzietà (autorizzato da ACCREDIA).
  • si può affermare con soddisfazione che il tempo e la perseveranza nel raggiungimento del combinato disposto: qualità professionale-tutela della Committenza-corretta concorrenza professionale (definito dal proprio codice deontologico), accrediti l’Associazione “Rete dei Comunicatori Professionali” sia presso i Comunicatori Professionali che presso le Agenzie di comunicazione che presso le imprese/le organizzazioni private e pubbliche che fruiscono della comunicazione professionale internamente alla loro struttura o in outsourcing;

fonte di attività di servizio a giovamento dei Comunicatori Professionali, quali

  • l’effettuazione di test valutativi per “fotografare” il livello personale di competenze, conoscenze ed abilità professionali, sia d’ingresso che attraverso l’applicazione di criteri finalizzati alla conformità con quelli previsti dalla norma tecnica UNI 11483;
  • la formazione degli associati e non, interessati all’acquisizione ed al mantenimento della certificazione professionale di Comunicatore;
  • la formazione e l’alta formazione da somministrare direttamente o in partnership, agli associati e non, su argomenti proposti dalla rete e dalle necessità rilevate dai mercati.
  • la creazione di una sezione web di riferimento attraverso la quale diffondere notizie utili alla propria tutela qualitativa, assicurativa, legale, fiscale, previdenziale, ecc., in considerazione dei contesti di operatività professionale così fluidi, globalizzati, sensibili ed attenti.
  • l’offerta di servizi di supporto alle imprese ed alle organizzazioni private e pubbliche in materia di selezione del personale o dei collaborazioni esterni, riguardanti i Comunicatori Professionali.

CC BY-NC-ND 4.0
Tutti i testi di Rete dei Comunicatori Professionali pubblicati sul sito sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore e non possono essere utilizzati senza autorizzazione.
Rete dei Comunicatori Professionali, laddove non esplicitamente indicato, è distribuito sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.